slide pagine
Monocultivar cerasuola

Olio extravergine di oliva biologico

CULTIVAR: Cerasuola

Scheda Tecnica

Zona di Produzione:
Contrada Baglio Nuovo di Fugatore (Trapani) - Roccamena
Altitudine:
tra i 145 s.l.m.e i 400 s.l.m.
Tempo di Raccolta:
metà ottobre – metà novembre
Metodo di Raccolta:
manuale e differenziata per singola varietà
Estrazione:
a freddo con impianto continuo. Processo non filtrato

Caratteristiche

Confezione:
250 ml vetro verde scuro
Colore:
verde con riflessi giallo oro
Profumo:
olio dal fruttato medio con note verdi di erba appena tagliata, carciofo e pomodoro maturo
Sapore:
avvolgente, retrogusto amaro e piccante con note di pepe nero e mandorla. Ottima persistenza.
Abbinamenti:
esalta tutti i tipi di carne, in particolare la carne rossa, oltre ai vostri piatti di pasta con sughi ricchi e importanti. Perfetto su formaggi medio-stagionati come il pecorino e verdure grigliate. enrich read meats and rich pastas, pecorino cheese, grilled vegetables

Valori Energetici

Valori nutrizionali medi per: 15 ml
Valori Energetici: 130 KCal
Grassi totali: 14g
Grassi saturi: 2g
Sodio: 0mg
Carboidrati totali: 1g
Proteine: 0g

Certificazioni

tutte le fasi della produzione biologica sono controllate e certificate in conformità con il Reg. CE 834/2007 e il Reg. CE 889/2008, l’azienda segue gli standard USDA – NOP applicati negli USA , ente verificatore CCPB di Bologna.

Conservazione

Un olio d’oliva extra vergine di qualità si caratterizza anche per l’alta concentrazione di polifenoli, sostanze antiossidanti, ai quali si deve la capacità di resistere all’ossidazione: più polifenoli sono presenti nell’olio, maggiore sarà il tempo in cui questo rimane integro. L’olio si conserva lontano da luce e fonti di calore, il colore verde scuro della bottiglia che abbiamo scelto serve anche ad evitarne il deterioramento nell’aroma e nel gusto. Una volta aperta la bottiglia e utilizzato l’olio che vi serve, ricordatevi di chiuderla sempre ermeticamente perché l’ossigeno lo altererebbe nelle sue qualità. L’acciaio inox della latta ha molteplici vantaggi tra cui, oltre al fatto di non far trapassare i raggi solari, anche una maggiore resistenza durante i trasporti.

L’olio va conservato in luoghi preferibilmente freschi a una temperatura che non superi i 15 gradi

L'olio extravergine di oliva biologico Galardo

L’olio Extra Vergine d’oliva Biologico Galardo è un olio prodotto dal tipica varietà di olive Cerasuola.

Le olive crescono sia nell’uliveto di Baglio Novo a Fulgatore (TP), sia nell’uliveto di Roccamena (PA) e vengono raccolte e processate insieme, creando un olio equilibrato nel gusto, dal fruttato medio e dal profumo armonico. L’olio è versatile sia in cucina che a crudo.

La Cerasuola

La Cerasuola è ricca di beta-carotene, grassi insaturi e tocoferoli che svolgono un'efficace azione contro il colesterolo nel sangue, oltre che antiossidante: dona riflessi giallo-verdi al nostro olio e influenza il fruttato medio, oltre a dar una piacevole frangranza di rosmarino.

L'uliveto

L’uliveto di Roccamena

Territorio: Roccamena (PA), collinare

Suolo: fertile, sabbioso, poroso e ben areato

Varietà: Nocellara, Biancolilla, Cerasuola

Forma di allevamento: a “ombrello” che si ottiene tramite potature annuali eseguite nel periodo di Febbraio per agevolare oltre le operazioni di raccolta, anche la penetrazione della luce solare all’interno pianta e un’adeguata maturazione del frutto.

Esposizione: Est con moderate escursioni termiche

Altitudine: 400 s. l. m.

Distanza dal mare: 60 km

Tipo di impianto: non intensivo per consentire una maggiore vigoria della pianta, la massima quantità di energia radiante senza ombreggiamenti reciproci tra piante contigue

Fascia termica: inverni miti e piovosi con temperature che raramente scendono sotto lo zero, estati asciutte e con alte temperature. Piovosità al di sopra dei 400 mm.

Operazioni colturali: estirpazione a mano di apparati radicali di piante arboree alla base dell’albero, collocazione nel mese di Aprile-Maggio di soluzioni organiche ogni 3-4 alberi che allontanino la mosca dall’ulivo

L’uliveto di Baglio Novo, Fulgatore

Territorio: c.da Baglionovo, Fulgatore (TP), collinare

Suolo: misto argilloso-sabbioso con tracce di micro fossili

Varietà: Nocellara, Biancolilla, Cerasuola

Forma di allevamento: a “ombrello” che si ottiene tramite potature annuali eseguite nel periodo di Febbraio per agevolare oltre le operazioni di raccolta, anche la penetrazione della luce solare all’interno pianta e un’adeguata maturazione del frutto.

Esposizione: Est

Altitudine: 140 s. l. m.

Distanza dal mare: 30 km

Tipo di impianto: non intensivo per consentire una maggiore vigoria della pianta, la massima quantità di energia radiante senza ombreggiamenti reciproci tra piante contigue

Fascia termica: inverni miti ed estati asciutte e temperate. Persistenti venti provenienti dal mare.

Operazioni colturali: estirpazione a mano di apparati radicali di piante arboree alla base dell’albero, irrigazioni di soccorso, collocazione nel mese di Aprile-Maggio di soluzioni organiche ogni 3-4 alberi che allontanino la mosca dall’olivo

Richiedi un preventivo

Emmè Web Agency
Chiama Dove Siamo Whats App